I SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (SGA)

I SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (SGA)

I Sistemi di Gestione Ambientale (SGA) rappresentano un importante ed autorevole strumento di verifica che può essere utilizzato da tutte le organizzazioni, sia pubbliche che private, per analizzare e migliorare le performance ambientali delle proprie attività e dei propri servizi. In genere la gestione degli aspetti e degli impatti ambientali finalizzata a ridurre e prevenire l’inquinamento viene percepita dalle imprese come un costo derivante da attività quali lo smaltimento dei rifiuti, la manutenzione degli impianti di depurazione acque e abbattimento fumi, la bonifica e il ripristino di siti, ecc., e solo raramente viene considerata come un opportunità. L’adozione di uno SGA può invece consentire la riduzione di una serie di costi.

Altri benefici possono derivare dall’aumento dei ricavi (es. riutilizzo degli scarti) e dalla creazione di un’immagine “verde” dell’impresa che contribuisce a migliorare i rapporti con le comunità locali e le PA e ad aumentare il livello competitivo (sono infatti sempre di più i mercati che riconoscono un valore alle certificazioni/registrazioni ambientali). Una corretta gestione ambientale è strumento di competitività per l’azienda o per un’organizzazione. L’ottimizzazione della performance ambientale dell’impresa può essere ottenuta implementando un Sistema di Gestione Ambientale, che consente di individuare e rispettare i requisiti minimi previsti dalla normativa ambientale e di gestire in modo corretto i rischi connessi alle attività svolte.

La certificazione di Sistema di Gestione Ambientale è rilasciata in riferimento alla norma UNI EN ISO 14001:2004 che definisce i requisiti per individuare, controllare e monitorare gli aspetti ambientali. La certificazione dei Sistemi di Gestione Ambientale delle PA (es. Comuni, Province, Comunità montane, Enti gestori di aree protette, ecc.) in accordo alla UNI EN ISO 14001, sta diffondendosi rapidamente a livello nazionale, con ovvi risvolti in termini di visibilità e di valenza “sociale” che tali certificazioni possiedono per le parti interessate. Ciò si innesta su una lettura particolarmente complessa ed articolata della realtà delle PA. Basti pensare, ad esempio, alla pianificazione e gestione del territorio, al rilascio delle autorizzazioni, alla tutela delle risorse ambientali, ai rapporti con il cittadino e le parti interessate, all’elevato numero e tipologia di soggetti presenti sul territorio, alla gestione degli acquisti e della mobilità.

Il SGA di una PA non può concentrare, quindi, la propria attenzione ai soli aspetti ambientali che può tenere sotto controllo (“aspetti ambientali diretti”), ma deve essere estesa anche agli aspetti che la PA può influenzare (“aspetti ambientali indiretti”), che spesso hanno una criticità e valenza maggiore. La particolare complessità delle PA si evince anche dalle numerose competenze che sono loro assegnate per legge e che variano in funzione della loro tipologia (Regioni, Province, Comuni, Enti gestori di aree protette). E’ importante l’analisi che la PA deve condurre sulle proprie attività e competenze, e sull’individuazione di tutti gli aspetti ambientali, sia diretti che indiretti. In particolare, per questi ultimi, l’analisi deve identificare le modalità con cui la PA può influenzare i comportamenti degli altri soggetti sul territorio e, di conseguenza, perseguire il miglioramento della qualità dell’ambiente e della vita dei cittadini. Nella successiva valutazione della significatività degli aspetti ambientali, sarà necessario tenere conto dello stato dell’ambiente nel territorio di competenza della PA e delle attività presenti nello stesso. Pertanto, occorre fare in modo (nel progettare, attuare e verificare un SGA di prevedere azioni tali da poter rispondere di fronte alle parti interessate di come la PA abbia applicato i principi della prevenzione dell’inquinamento e del miglioramento continuo anche nell’esercizio della propria influenza verso i soggetti che direttamente gestiscono questi servizi.

La conformità legislativa è un altro aspetto fondamentale nell’applicazione del Sistema di Gestione Ambientale. Malgrado tutte le difficoltà che la PA può riscontrare nell’implementazione di un SGA, la certificazione ambientale può costituire la dimostrazione dell’avvio di politiche di sostenibilità, garantendo allo stesso tempo un rapporto di trasparenza verso i cittadini e gli utenti. In particolare, per le aree protette, la certificazione ambientale stimola i protagonisti a identificare caratteristiche del proprio territorio che possono costituire ricchezze ed essere valorizzate. Vengono cosi identificati progetti e obiettivi di miglioramento che consentono di valorizzare le caratteristiche del territorio anche sul piano del turismo sostenibile, dello sviluppo compatibile del territorio e dell’economia globale.