Riassunto biomassa vegetale

Riassunto biomassa vegetale

Il progetto Biomass nell’ambito del progetto CRIM-SAFRI sarà ospitata in due località a Malta. Le attrezzature principali saranno collocate presso una piccola società di costruzione PMI chiamato Attard Bros S.r.l., che si trova in Ta’ Qali, vicino alla nuova Ambasciata Americana. Attard Bros non è solo coinvolta nei prodotti in calcestruzzo e di edilizia, ma ha anche una piccola fabbrica che produce mobili su misura di alta qualità.

L’altra parte delle attrezzature, la stazione di monitoraggio, sarà ospitata al piano terra presso l’Applied Science Institute (Istituto di Scienze Applicate) nel campus principale di MCAST a Paola. La stazione di monitoraggio potrà funzionare e trasmettere i dati via internet, e sarà sotto l’occhio vigile di MCAST e MIEMA nel raccogliere tutti i dati necessari per il progetto.

Attard Bros ha circa 10 lavoratori del settore della carpenteria e circa 50 lavoratori del settore edile. Eurocarft, che è il nome di questa società controllata, è stata selezionata tra 4 altri offerenti per ospitare l’impianto a biomassa. Eurocart utilizza una varietà di legno, dal legno morbido come l’abete rosso o il pino silvestre al legno duro come la quercia, iroko, faggio e usano anche il legno lamellare.

La biomassa che MCAST ha acquistato per il progetto CRIM-SAFRI è prodotto in America per i paesi in via di sviluppo, infatti, questo tipo di apparecchiatura la chiamano il Power Pallet (Paletta Energetica), siccome è piccolo, compatto e può essere facilmente trasportato sul retro di un piccolo camioncino. Può generare da 15 a 20 KW, e i vantaggi di questo apparecchio sono le innovazioni nel controllo elettronico e il riciclo del calore di scarto.

Il nuovo microcontrollore esegue la maggior parte del lavoro di un operatore esperto che normalmente opera questo tipo di apparecchiature. La sua gassificazione multistadio, combinata con una integrazione termica del gassificatore-motore innovativa, migliora la conversione del catrame e la flessibilità del combustibile. Questo apparecchio può usare i rifiuti e residui agricoli e forestali e anche scarti di legno prodotti dall’industria del mobile.

Il PP20 consiste di un gassificatore a più stadi, un motore industriale con accensione a fuoco, generatore di testata, e un’Unità di Controllo del Processo, che monitora e risponde a tutte le condizioni interne del reattore, del motore e di filtraggio e la visualizzazione dei risultati su uno schermo LCD. Inoltre regola automaticamente la miscela aria/gas di sintesi mediante un sensore di ossigeno Bosch ad ampia banda e agita la griglia della cenere quando richiesto.

biomass 2 biomass